14 giu 2008


amarelachiesa.blog propone una riflessione.

LE BUFALE, LE TROVATE dei SETTARISTI per indicare la fine del mondo: ma la Chiesa, come sempre è era e sarà, docet.

Da un libro importantissimo: L’Anticristo, di Agostino Lémann, un classico.

AGOSTINO LÉMANN

CAN. ONOR. DELLA PRIMAZIALE DI LIONE, PROF. DI S. SCRITTURA E DI LINGUA EBRAICA PRESSO LA FACOLTÀ CATTOLICA

L'ANTICRISTO

Unica traduzione approvata dall'Autore del Can. BENEDETTO NERI, ed. Pietro Marietti in Torino, 1919


PROIBIZIONE di INDICARE LA DATA

DELLA FINE DEL MONDO a partire dalla Sacra Scrittura.

I motivi di questa proibizione sono indicati nel testo di essa:

Prima di tutto, il rispetto dovuto alla volontà di Dio. Egli è il padrone assoluto del tempo e di quanto in esso succede: non conviene, dunque, che gli uomini, da indiscreti voglian conoscere, in antecedenza, il risultato de' suoi eterni decreti. Come si devono comportare, riguardo a questi eterni decreti, lo, dice l'autore ispirato dell'Ecclesiastico: "Non cercare quello the è sopra di te, e non voler indagare quelle cose che sorpassano le tue forze... Non essere curioso scrutatore delle molte opere di Dio". Il rispetto dovuto ai decreti e alle opere di Dio, la penna di sant'Agostino l'ha espresso in quest'ammirabile sentenza: "Onora ciò che ancora non comprendi, e tanto più onoralo quanto i veli son più fitti. Quanto più uno è degno di onore tanti più veli pendono nella sua casa. I veli comandano l'onore dovuto al segreto e si alzano a coloro che si vogliono onorare".

Il secondo motivo della proibizione è di risparmiare ai fedeli preoccupazioni fastidiose, pericolose pe' doveri da compiere all'ora presente. Si ricordi la paura de' Tessalonicesi che san Paolo fu costretto a rassicurare: "Noi vi preghiamo, o fratelli, che non vi lasciate atterrire; ...quasi imminente sia il giorno del Signore". E dopo aver tracciato il ritratto dell'Anticristo nel capitolo II della sua lettera, l'Apostolo lo fa seguire, al capitolo III, da questo consiglio: "Abbiam udito che alcuni tra voi procedono disordinatamente, i quali non fanno nulla, ma si affaccendano senza pro. Ora a questi tali facciamo sapere e li scongiuriamo nel Signor Gesù Cristo, che lavorando in silenzio mangino il loro pane".

Il terzo motivo è d'impedire gli scandali, sempre dannosi alle anime. Perchè allorquando l'avvenimento non giustifica le predizioni avventate, coloro che son deboli nella fede ne prendono occasione per disprezzare le vere profezie della Scrittura e di dubitarne. Così è accaduto più d'una volta in diversi tempi; e la storia ecclesiastica ha dovuto registrare i nomi di molti di questi sognatori che ebbero l'audacia di annunziare per un'epoca determinata la venuta dell'Anticristo; per esempio :

Un giovane parigino visionario annunzia pubblicamente da una cattedra di Parigi, verso il 960, che l'Anticristo verrebbe alla fine dell'anno 1000. Fu confutato vittoriosamente da Abbone, il futuro abate di Fleury:

Fluentino da Firenze, condannato nel 1105 da Pasquale II;

Arnoldo da Villanuova, condannato nel 1311. Avea fissato la venuta e la persecuzione dell'Auticristo all'anno 1377:

Bartolomeo Janovesio, condannato da Papa Urbano V per aver fissato questa venuta nel giorno della Pentecoste del 1360;

Niccolò Cusano l'annunziò per gli anni 1700 o 1734;

Mamero Bruschio, pel 15S9 o 1643:

Girolamo Cardano, per l'anno 1800:

M. d'Hedouville, tra il 1952 e 1953;

L'autore anonimo dei Precursori dell'Anticristo, per l'anno 1957;

L'abate Maitre fissa la fine del mondo alla fine del secolo XX o nel corso del XXI.

Questi esempi non sono una dimostrazione della sapienza della Chiesa nel proibire che ha fatto di fissare una data determinata sia per questa venuta, sia per la fine del mondo?

Ai lettori l'approfondimento personale.



Noi stiamo con PAPARATZINGER.blog


paparatzinger-blograffaella.blogspot.com

Per contatti

Blog antologico - cattolico

Questo Blog e' un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001. Se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato sul Blog, non ha che da darne avviso e sara' immediatamente eliminato. Si sottolinea inoltre che cio' che e' pubblicato sul Blog e' a scopo di approfondimento, di studio e non di lucro.

Art. 21 della Costituzione Italiana: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure".

Per qualsiasi suggerimento e collaborazione scrivete.

mail penitente@alice.it