28 apr 2008

25 apr 2008

Per la Chiesa, con la Chiesa, per la Gloria dei Cieli



amarelachiesa.blog vi offre questo bel testo dal sito di unavoce-ve.it
gli amici della Associazione Internazionale di UnaVoce sono sempre puntuali ed attenti agli accadimenti d'ambito cattolico, come e più di amarelachiesa.blog sono la Voce della Tradizione Cattolica.


Una Voce alla messa del Cardinale

Un buon servizio sulla "messa in latino" sul Resto del Carlino del 30 marzo 2008, di Rita Bartolomei, che riferisce sulla messa - tutta in latino eccetto le letture e la preghiera dei fedeli - celebrata dal card. Carlo Caffarra nella cattedrale di S. Pietro a Bologna il giorno precedente, 29 marzo, nel rito di Paolo VI (forma ordinaria) con accompagnamento di una valida corale gregoriana. Anche noi eravamo presenti a questo evento che, pur in sé del tutto normale, riveste un non trascurabile significato per la rinascita della liturgia cattolica. Un membro di Una Voce Venezia, Francesco Tolloi, è stato intervistato dal Carlino che per una volta non gli ha fatto la classica domanda se siamo o abbiamo "rapporti" con i "lefebvriani".

I nemici della messa hanno mostrato un fastidio per questa celebrazione, soprattutto per il timore che essa sia confusa con la messa tridentina. Si veda l'articolo di Alberto Melloni sul Corriere di Bologna del 28 marzo 2008, che si adopera a dissipare "qualche confusione" sulla liturgia, forse perché ha paura che adesso molta gente capisca come stanno veramente le cose. È noto che a Bologna si concentra un buon numero di nemici della messa e del Papa, come il "vaticanista" del Carlino Giovanni Panettiere, "cattolico" del dissenso - che questa volta non ha fatto lui il servizio sulla messa in latino di Caffarra -, il priore dei Servi Bruno Zanirato, tanti preti dossettiani e loro seguaci, parroci prodiani... È un bene che questo gruppo di compagni cominci ad aver paura di non essere più nel senso del corso della storia? Lo si vedrà in futuro, intanto si attende che il card. Caffarra celebri la messa in latino, di san Pio V (forma straordinaria), stavolta...

Fabio Marino




foto: articolo su 'Il Resto del Carlino' del 30 marzo 2008

Medjugorje 17 maggio 2008


La seconda “Maratona per la Pace” si terrà il 17 maggio 2008. È organizzata dall'associazione cristiana Kup-Karmel. La Maratona inizia alle 9 e va da Grude, attraversando Ljubuški, fino a Medjugorje (42 km). I comuni cittadini sono liberi di partecipare alla corsa distesa da Ljubuški a Medjugorje, che comincia nello stesso momento


19 apr 2008

amarelachiesa.blog vi invita a leggere nei testi dei vari mesi gli approfondimenti sulla questione massonica che vuole coinvolgere sempre più le masse cattoliche meno praticanti per inquadrarle nella visione negativa del relativismo che tutto accetta ad occhi chiusi in virtù di un naturalismo incentrato sulla cattiva proposta di voler a tutti i costi far dell'uomo un dio!



OMELIA DI SUA SANTITÀ BENEDETTO XVI

Cattedrale di Saint Patrick, New York
Sabato, 19 aprile 2008

Estratto:

“Una delle grandi delusioni che seguirono il Concilio Vaticano II, con la sua esortazione ad un più grande impegno nella missione della Chiesa per il mondo, penso, sia stata per tutti noi l’esperienza di divisione tra gruppi diversi, generazioni diverse e membri diversi della stessa famiglia religiosa. Possiamo andare avanti solo se insieme fissiamo il nostro sguardo su Cristo!

Nella luce della fede scopriremo allora la sapienza e la forza necessarie per aprirci verso punti di vista che eventualmente non coincidono del tutto con le nostre idee o i nostri presupposti. Così possiamo valutare i punti di vista di altri, siano essi più giovani o più anziani di noi, e infine ascoltare “ciò che lo Spirito dice” a noi ed alla Chiesa (cfr Ap 2, 7). In questo modo ci muoveremo insieme verso quel vero rinnovamento spirituale che voleva il Concilio, un rinnovamento che, solo, può rinforzare la Chiesa nella santità e nell’unità indispensabili per la proclamazione efficace del Vangelo nel mondo di oggi.”

Leggete tutti gli approfondimenti su paparatzinger.blog

6 apr 2008


Al 31 dicembre 2005 la popolazione mondiale era pari a 6.463.234.000 persone, con un aumento di 74.734.000 unità rispetto all’anno precedente. L’aumento globale riguarda tutti i continenti ad eccezione dell’Europa, che conferma la diminuzione della popolazione registrata negli ultimi anni: Africa + 21.910.000; America + 8.200.000; Asia + 45.850.000; Oceania + 488.000; Europa - 1.714.000.


Alla stessa data il numero dei cattolici era pari a 1.114.966.000 con un aumento complessivo di 16.600.000 unità rispetto all’anno precedente. L’aumento interessa tutti i continenti, compresa l’Europa che l’anno precedente aveva invece fatto registrare una diminuzione: Africa + 4.653.000; America + 6.828.000; Asia + 3.083.000; Europa + 1.906.000; Oceania +130.000.


La percentuale dei cattolici è cresciuta globalmente dello 0,06 % attestandosi al 17,25%. Riguardo ai continenti, si sono registrati aumenti ovunque, sia pure lievi: Africa +0,11; America +0,19; Asia +0,05; Europa +0,37 e Oceania +0,01.

CONTINUA il MASSACRO IMPUNITO!

amarelachiesa.blog propone questi articoli di Asianews, leggete sul sito del PIME le ultimissime notizie!

Ucciso sacerdote siro-ortodosso a Baghdad
Si tratta di Youssef Adel, 40 anni, direttore di una scuola mista cristiani-musulmani. Aveva già ricevuto minacce e intimidazioni per lasciare il suo incarico. Domani i funerali in cattedrale.

Baghdad (AsiaNews) – Un sacerdote siro-ortodosso è stato ucciso a colpi di arma da fuoco oggi a Baghdad nel quartiere Zayiuna, abitato dai cristiani. Lo confermano fonti della stessa Chiesa ortodossa. Si tratta di Youssef Adel, 40 anni, della chiesa di San Pietro. Secondo la ricostruzione dell’attentato, il sacerdote viaggiava sulla sua auto quando intorno a mezzogiorno (ora locale) uomini armati hanno aperto il fuoco.

Il sacerdote era direttore d'una scuola superiore mista, frequentata cioè da cristiani e musulmani, ragazzi e ragazze. Aveva già ricevuto minacce e intimidazioni per lasciare la direzione, a cui non ha prestato attenzione. Di recente aveva celebrato un incontro di preghiera aperto a tutti i cristiani. I funerali si svolgeranno domani nella cattedrale ciro-ortodossa di Baghdad.

Quello di stamattina è solo l’ultimo di una serie di attentati che stanno colpendo il cuore della comunità cristiana in Iraq. Nemmeno un mese fa, il 13 marzo, è stato rinvenuto il cadavere di mons. Fraj Rahho, arcivescovo caldeo di Mosul, sequestrato il 29 febbraio da un gruppo terrorista.

Non possiamo continuare a tacere!

leggete su Asianws l'intero articolo!

TIBET - CINA
Nuove proteste, l’esercito spara e uccide almeno 8 tibetani
Esplose due giorni fa altre proteste nella zona tibetana del Sichuan. La folla chiedeva il rilascio di due monaci, colpevoli di possedere una foto del Dalai Lama. Pechino ammette le proteste e secondo testimoni oculari le truppe hanno sparato sulla folla.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Nuove proteste so, o esplose la notte del 3 aprile a Donggu, contea di Garze nella zona tibetana del Sichuan. Testimoni riportano che l’esercito spara sulla folla e uccide 8 tibetani mentre Pechino parla solo di un proprio funzionario ferito.

L’edizione inglese della statale Xinhua dice che “la polizia è stata costretta a sparare e far cessare la violenza che ha messo in grande pericolo i funzionari e la popolazione”, ma ha sparato solo “per avvertimento”. L’edizione cinese non parla dell’incidente.

Testimoni hanno riportato, invece, al gruppo Campagna per un Tibet Libero che l’esercito ha sparato sulla folla senza motivo. La polizia si è recata il 2 aprile al monastero buddista di Tonkhor per applicare la nuova “campagna di educazione patriottica”, che chiede ai monaci di dissociarsi dal Dalai Lama e vuole “intensificare il patriottismo e la conoscenza della legge tra membri e funzionari del Partito comunista” (Pc) e nella popolazione. Dopo il rifiuto del monaco capo Lobsang Jamyang, il successivo 3 aprile circa 3mila poliziotti sono entrati con la forza. Hanno perquisito dappertutto e arrestato i monaci Geshi Sonam Tenzing e Tsultrim Phuntsog perché tra le loro cose c’era una fotografia del Dalai Lama.

dal sito web ASIA News



4 apr 2008

amarelachiesa.blog
vi segnala il numero di aprile di Tracce la rivista mensile di C. L.
Comunione e Liberazione





UNA CHIESA IN CRISTO GESU'

alcune riflessioni
proposte da
amarelachiesa.blog

PATERNA CUM BENEVOLENTIA

ESORTAZIONE APOSTOLICA
DI SUA SANTITÀ
PAOLO PP. VI

Quanto a noi, riaffermiamo che l’unica chiesa di Cristo, "in questo mondo costituita e organizzata come società, sussiste nella chiesa cattolica, governata dal successore di Pietro e dai vescovi in comunione con lui, ancorché al di fuori del suo organismo si trovino parecchi elementi di santificazione e di verità"

Pio IX
Dei Filius

Noi dunque, seguendo le orme dei Nostri Predecessori, in virtù del Nostro Apostolico mandato, non cessiamo mai d'insegnare e difendere la verità cattolica e di condannare le dottrine perverse.

Dato a Roma, nella pubblica Sessione solennemente celebrata nella Basilica Vaticana l'anno dell'Incarnazione del Signore 1870, il 24 aprile, nell'anno ventiquattresimo del Nostro Pontificato


2 apr 2008


F A T I M A

Giovanni Paolo II

Terzo anniversario della morte del Servo di Dio





Ioannes Paulus PP. II
Karol Wojtyla
16.X.1978 - 2.IV.2005

--------------------

CELEBRAZIONE EUCARISTICA IN SUFFRAGIO
DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II

REGINA CÆLI

Solennità della Divina Misericordia
II Domenica di Pasqua, 3 aprile 2005

Al termine della solenne Celebrazione Eucaristica in suffragio di Sua Santità Giovanni Paolo II, presieduta dall’Em.mo Card. Angelo Sodano, il Sostituto della Segreteria di Stato, l’Arcivescovo Leonardo Sandri, prima della recita del Regina Cæli, dà lettura di un testo che il Santo Padre aveva precedentemente preparato in occasione della solennità della Divina Misericordia che si celebra la II Domenica di Pasqua.

Carissimi Fratelli e Sorelle!

1. Risuona anche oggi il gioioso Alleluja della Pasqua. L’odierna pagina del Vangelo di Giovanni sottolinea che il Risorto, la sera di quel giorno, apparve agli Apostoli e "mostrò loro le mani e il costato" (Gv 20,20), cioè i segni della dolorosa passione impressi in modo indelebile sul suo corpo anche dopo la risurrezione. Quelle piaghe gloriose, che otto giorni dopo fece toccare all’incredulo Tommaso, rivelano la misericordia di Dio, che "ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito" (Gv 3,16).

Questo mistero di amore sta al centro dell’odierna liturgia della Domenica in Albis, dedicata al culto della Divina Misericordia.

2. All’umanità, che talora sembra smarrita e dominata dal potere del male, dell’egoismo e della paura, il Signore risorto offre in dono il suo amore che perdona, riconcilia e riapre l’animo alla speranza. E’ amore che converte i cuori e dona la pace. Quanto bisogno ha il mondo di comprendere e di accogliere la Divina Misericordia!

Signore, che con la tua morte e risurrezione riveli l’amore del Padre, noi crediamo in Te e con fiducia ti ripetiamo quest’oggi: Gesù, confido in Te, abbi misericordia di noi e del mondo intero.

3. La solennità liturgica dell’Annunciazione, che celebreremo domani, ci spinge a contemplare con gli occhi di Maria l’immenso mistero di questo amore misericordioso che scaturisce dal Cuore di Cristo. Aiutati da Lei possiamo comprendere il senso vero della gioia pasquale, che si fonda su questa certezza: Colui che la Vergine ha portato nel suo grembo, che ha patito ed è morto per noi, è veramente risorto. Alleluia!


dal sito della SANTA SEDE

Noi stiamo con PAPARATZINGER.blog


paparatzinger-blograffaella.blogspot.com

Per contatti

Blog antologico - cattolico

Questo Blog e' un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001. Se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato sul Blog, non ha che da darne avviso e sara' immediatamente eliminato. Si sottolinea inoltre che cio' che e' pubblicato sul Blog e' a scopo di approfondimento, di studio e non di lucro.

Art. 21 della Costituzione Italiana: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure".

Per qualsiasi suggerimento e collaborazione scrivete.

mail penitente@alice.it